.....EVANGELIO

 

La tempesta sedata

Mc. IV. 35 Ed in quel giorno, fattosi sera, Gesù dice loro: «Passiamo all'altra riva».
36
E lasciando la folla lo conducono, così com'era, in barca. E v'erano altre barche con lui.
37 E si leva un gran turbine di vento, e le onde si gettavano nella barca in modo che la barca già si empiva; 38 ma Egli stava a poppa dormendo sopra un guanciale.
E lo svegliano e gli dicono: «Maestro, non ti dai pensiero che stiamo per perire?».
39 E svegliatosi rimproverò il vento e disse al mare: «Silenzio! Taci!». Ed il vento cessò e si fece gran bonaccia.
40 E disse loro: «Perché siete paurosi? Non avete ancora fede?».
41 E furono presi da gran timore e si dicevano fra loro: «Chi è mai costui al quale anche il vento ed il mare ubbidiscono?»


Mentre l’acqua nel suo ritmo normale rappresenta la purezza, la trasparenza e la calma, quando è alterata, torbida e tempestosa, come dice il Profeta nel Vecchio Testamento, raffigura le passioni e le insidie della vita. Is.57,20 (“Gli empi sono come il mare agitato”).

La tempesta sedata... "E svegliatosi rimproverò il vento e disse al mare: «Silenzio! Taci!». Ed il vento cessò e si fece gran bonaccia." Mc. IV, 39Il Vangelo di Marco delinea con precisione il quadro iniziale: “E’ sera!
Questo ci suggerisce subito che la possibilità di vedere chiaro è molto limitata e che le forze oscure hanno nelle tenebre il vantaggio maggiore.
Ciò rivela molto bene il contesto animico in cui ogni individuo vive, cioè nella propria “barca” che è costretto a condurre nel mare dell’esistenza.

Il Signore invita i discepoli “a passare all’altra riva”.
Infatti nel percorso evolutivo del ciclo vitale noi possiamo distinguere due sponde: una umana-materia ed una divina-spirito.
Quando la notte (cecità-ignoranza) imperversa, la scelta più saggia è quella di rifugiarsi presso l’altra riva... dove c’è la Luce perenne, la visione illuminata dallo Spirito e la Conoscenza delle cose.
Ognuno di noi è una particella divina (nosce te ipsum, origine e caduta umanità), a immagine e simiglianza di Dio, quindi il Cristo, essendo Dio, è presente in lei.
Ma l’essere umano pensa di essere solo nella sua “barchetta”, non sapendo (Spirito addormentato) che Gesù è dentro di lui.

Proseguendo la nostra analisi del testo di Marco, possiamo dire che, lasciata la confusione (la folla), i discepoli fanno salire il Cristo “così com’era” nell’imbarcazione.
Non si sono cioè preoccupati per niente di approfondirNe la Conoscenza sostanziale, accettandoLo così come superficialmente Lo avevano conosciuto. Mancava loro la consapevolezza profonda della Sua vera identità.

Ecco “levarsi un gran turbine di vento” (simbolo degli imprevisti e delle prove ardue che ogni uomo deve affrontare), tanto che il rischio di un naufragio è reale.
Se, come detto sopra, l’individuo non è conscio della Presenza Divina in lui (vedere lettera ai sofferenti), rappresentato dal Cristo addormentato, è “come nave senza nocchiero in gran tempesta” Dante: Purg. canto VI, vers.77.
Notare che il Signore si trova a poppa, nella parte posteriore, dove, come Ego spirituale dovrebbe essere “ben sveglio” e dominante per tenere saldamente in mano il timone. Ne consegue il fatto che l’uomo si terrorizza, si dispera e teme per la sua incolumità non sapendo come salvarsi.

Alla richiesta sconfortata dei discepoli “Maestro, non ti dai pensiero che stiamo per perire?”, il Cristo si desta, sgrida il vento dicendo al mare: “Silenzio! Taci!” e la tempesta si placa.
Gesù dunque non interviene se non viene chiamato, così come il “chiedete e vi sarà dato” impone.
E’ l’uomo che nel momento del pericolo chiama in soccorso il Divino, ma la sua fede è debole ed opportunista tanto che il Maestro replica loro: “Perché siete paurosi? Non avete ancora fede?
Cioè, non avete ancora capito chi Io sia?
Ecco la similitudine tragica nella quale si trova l’umanità, pellegrina come un marinaio senza méta che non conosce da quale porto viene e verso quale lido si stia dirigendo, in balìa del mare in tempesta.
Sembra incredibile! Pochissimi si preoccupano di sapere dove stiano andando!
Allora non è forse arrivato il momento di accorgerci che tutti noi abbiamo a bordo un “passeggero” speciale e così importante che, con un cenno soltanto, potrebbe neutralizzare qualsiasi tempo contrario e minaccioso?
Infatti Gesù ci ha detto in Gv.14,12:
...In Verità, in Verità vi dico che chi crede in Me farà anch’egli le opere che Io faccio, anzi ne farà di maggiori...

Non è questa la conferma lampante e definitiva della nostra splendida Divinità?
Non si scandalizzi il lettore di questa asserzione perché è Verità indiscutibile che noi, Spiriti con un corpo, un giorno ritorneremo al nostro Regale Genitore, dalla “Casa” del Quale siamo partiti tanto tempo fa, come figli ribelli, per raggiungere l’apoteosi finale dopo tanta tribolazione.




<Precedente ^Rebis Home Page

Aurora della Salvezza: prologo all'Evangelio - La nascita di Gesù (Teofania) - L'Epifania e l'adorazione dei Magi -
Dal Giordano al deserto - Le nozze di Cana - Gesù scaccia i mercanti dal tempio - Le vergini prudenti e le vergini stolte - Colloquio con Nicodemo -
Perché Gesù parlava in parabole